venerdì 20 ottobre 2017

CLINTON CASH





     FONDAZIONE FAMIGLIA CLINTON


DOCUMENTARIO ....UN DURO J'ACCUSE CONTRO LE ATTIVITA' DELLA FONDAZIONE DELLA FAMIGLIA, CHE SPESSO HANNO SACRIFICATO GLI INTERESSI DEL POPOLO AMERICANO E FAVORITO QUELLO "ZAR CHE OGGI OSTEGGIANO E ACCUSANO...

                      



   Il documentario devastante "Clinton Cashs" su Hillary e su suo marito Bill, l’ex presidente. Sul web è già virale. In pratica i coniugi Clinton sono una colossale macchina da soldi che, attraverso il più classico e spocchioso degli abusi di potere, si è riempita le tasche appoggiandosi a loschi figuri e despoti stranieri, e persino svendendo pezzi strategici della ricchezza e della sicurezza degli Stati Uniti come faceva Totò con la Fontana di Trevi.



Con un gioco molto simile a quello delle tre carte, Bill e Hillary hanno scientificizzato il conflitto d’interessi servendosi di un paravento creato ad hoc nel 1997, quando lui ancora era presidente: la Clinton Foundation, ufficialmente una charity che si occupa di promozione umana, assistenza, sviluppo, nonché la sua affiliata, la Clinton Global Initiative. L’altro stratagemma usato per suggere denaro a fiumi sono le pagatissime conferenze che Bill tiene in giro per il mondo da quando Hillary è divenuta Segretario di Stato e usate come moneta di scambio.


Nella loro carriera i Clinton hanno raccolto cifre da capogiro, ma la nomina di lei a capo del Dipartimento di Stato è infatti stata un enorme salto, di quantità più che di qualità. Al termine del doppio mandato di Bill alla Casa Bianca nel 2000, quest’allegra famigliola di liberal americani non possedeva più un dollaro, ma in breve è riuscita ad accumulare un tesoro di 150 milioni di dollari e canalizzare nella casse della propria omonima fondazione oltre 2 miliardi di dollari. 


Tutto merito di quell’incarico magico che dal 2009 al 2013 ha fatto di Hillary la diplomatica più potente e influente del pianeta. Il che torna peraltro a riproporre un dilemma mai risolto: come ha fatto Hillary a ottenere dal presidente Barack Obama un posto di tale prestigio dopo che nelle primarie del 2008 gli aveva scatenato contro l’inferno? Non accade mai, chi si scotta così di solito si brucia, a meno però di un patto d’acciaio, quello che il Partito Democratico, a lungo in dubbio su chi allora sostenere, potrebbe avere arbitrato allorché decise di appoggiare l’allora semisconosciuto senatore dell’Illinois, il quale dunque in cambio del sostegno dell’establishment Democratico si rese forse disponibile a salvare la vita politica della rivale.


Ora, al di là dell’ovvio bla bla di rito, nessuna delle dure accuse mosse ai Clinton da questo documentario che non fa prigionieri è stata smentita. 
Non il voltafaccia di Hillary che levò all’India l’embargo imposto dal marito presidente nel 1998 dopo che il Paese asiatico aveva eseguito test nucleari nel mezzo della discussione sulla non-proliferazione. 
Il cambiamento di rotta avvenne in concomitanza di un pagatissima conferenza tenuta da Bill, all’epoca ormai non più presidente, in India, e di milioni versati nelle casse della Clinton Foundation da un noto trafficone, Saint Chatwal, indiano-americano nominato dalla coppia magica fra i trustee della Fondazione fino a quando non fu incriminato per avere violato la legge sul finanziamento di tre candidati politici statunitensi (uno era la stessa Hillary).
Non le difficoltà in cui la nota azienda svedese di tecnologia telefonica Ericsson si trovò tra 2009 e 2010 per quelle sue commesse con Iran, Bielorussia e altri Paesi avversi all’Occidente che il Dipartimento di Stato americano non gradiva. 


Fu allora che la Ericsson ingaggiò Bill per cosa?, ma ovviamente una conferenza, la più pagata di sempre: 750mila dollari. Il 12 novembre 2011 Bill la tenne a Hong Kong. Sette giorni dopo, il 19 novembre, la moglie Segretario di Stato annunciò che le sanzioni all’Iran non sarebbero non sarebbero  state estese alle forniture per le telecomunicazioni. 
E le conferenze svolte da Bill in Canada per due milioni di dollari americani pagati dalla TD Bank Investment Group, la maggiore azionista dell’oleodotto Keystone XL che dall’Alberta porta l’oro nero nel Golfo del Messico. La prima conferenza Bill la tenne quattro giorni dopo che la moglie aveva assunto la guida del Dipartimento di Stato, Dipartimento dalle cui labbra pendeval’oleodotto per gli agognati permessi e puntualmente arrivati con enorme scorno degli ambientalisti che gridarono al tradimento.


Il caso clamoroso della ricostruzione di Haiti dopo il terribile terremoto del 2010, ricostruzione interamente gestita dai coniugi Clinton. Da quel disastro che rase al suolo la regione meridionale di uno dei Paesi più poveri del mondo lucrò milioni e milioni il cerchio magico dei più stretti amici e donatori dei Clinton senza del resto produrre vantaggio alcuno agli haitiani, i quali si spinsero fino alla piazzata di massa davanti agli uffici di Hillary. 
Tra l’altro, mentre il Dipartimento di Stato pompava miliardi dei contribuenti americani nell’isola, Haiti concesse il primo permesso di estrazione mineraria in 50 anni a un’azienda senz’alcun know-kow, la VCS Mining, nel cui consiglio di amministrazione entrò subito dopo Tony Rodham, il fratello minore di Hillary. Come sempre in queste occasioni, alla Clinton Foundation arrivarono laute donazioni.


L’affare Bogotà, in Colombia, quando nel giugno 2010 vi arrivarono assieme l’allora privato cittadino Bill Clinton e il magnate canadese Frank Giustra. Per caso, come dice lei nelle sue memorie, vi arrivò subito anche Hillary. Il giorno dopo Bill fece colazione con il presidente colombiano Álvaro Uribe Vélez e Hillary ci andò a pranzo per una questione di forniture tecnologiche. Di lì a una manciata di giorni, tre grandi aziende di Giustra ottennero concessioni minerarie dal governo di Bogotà: la Pacific Rubiales Energy, la Petroamericana e la Prima Colombia Hardwood Inc. Quest’ultima prese anche a diboscare la foresta pluviale della costa per esportarne il legname in Cina. Giustra è ovviamente uno storico donatore della solita Fondazione a “ conduzione familiare”.


Non dimentichiamo il clamoroso caso del Kazakhistan del despota postcomunista Nursultan Ä.Nazarbaev, legittimato internazionalmente da Bill Clinton come campione dei diritti umani allorché il vecchio amico Giustra mise gli occhi sull’uranio di cui il Paese centroasiatico è uno dei più ricchi.
Non il caso ancora più clamoroso dell’acquisizione della Uranium One da parte della Russia di Vladimir Putin. Presieduta da Ian Telefer, generoso donatore indovinate di quale Fondazione, la Uranium One aveva tra i grandi azionisti l’immancabile Giustra e aveva acquisito notevoli concessioni minerarie anche negli Stati Uniti. Per essere acquisita dalla Russia serviva dunque l’approvazione di Washington visto che Washington considera l’uranio un asset strategico d’importanza primaria. 
E l’approvazione oliata dal Dipartimento di Stato arrivò dopo che la Fondazione della strana coppia ebbe ottenuto una donazione di 145 milioni di dollari da investitori nella stessa Uranium One (tra cui Giustra) e il prode Bill si fu fatto pagare mezzo milione di dollari per la solita conferenza stavolta a Mosca. 


Da chi? Dalla Renaissance Capital legata all’intelligence russaL’accordo ha trasferito alla Russia il 20% della produzione di uranio degli Stati Uniti. Nel quadro s’inserisce poi anche la Salida Capital, una piccola società d’investimenti canadese che nel 2010 cominciò a donare alla Clinton Foundation e a pagare per una conferenza di Bill in Canada. Ora, la Salida è controllata dalla Rosatom, cioè l’agenzia di Stato russa per il nucleare tra l’altro impegnata nella costruzione di reattori nucleari in Iran e in esportazione di tecnologia nucleare in Corea del Nord. E poi ci sono gli altri traffici oscuri in Sud Sudan, Congo, Nigeria



Insomma, una bomba il documentario Clinton Cash presentato in anteprima arrivato in sala il 24 luglio a Filadelfia, giusto per la Convenzione nazionale del Partito Democratico che ha incoronato Hillary reginetta del ballo. Sul web lo si vede comunque gratis. Diretto da M.A. Taylor (che nel 2008 è stato direttore della fotografia di altri due docu-denunce, Hype: The Obama Effect e Hillary: 


Tutto si regge su un best-seller assoluto pubblicato l’anno scorso per i prestigiosi tipi della HaperCollins di New York da Peter Schweizer, presidente del Government Accountability Institute di Tallahassee, in Florida, ex ricercatore alla prestigiosa Hoover Institution on War, Revolution and Peace dell’Università californiana di Stanford (quella cui si sono legati, tra gli altri, Eric Voegelin e Robert Conquest) e direttore proprio di Breitbart News. 


Al proprio attivo, Schweitzer ha diversi exposé di come i politici liberal si siano arricchiti approfittando del proprio potere e guastando le economie degli altri. Quello  trasformato in film ha un titolo chilometrico, giusto per intendersi subito, Clinton Cash: The Untold Story of How and Why Foreign Governments and Businesses Helped Make Bill and Hillary Rich. Quando uscì Bill e Hillary ammisero qualche macchiolina nella trasparenza della loro Fondazione. Che cuore.


E.M

mercoledì 18 ottobre 2017

TEMPI DA LUPI!!!







                                

HOMO HOMINI LUPUS


                 



UOMINI BELVE DI MALIZIA PIENI
DI PUTREDINE MARCENTI
CHE MAL VI FECE  CHE PERCOSSE INFAMI
ALLO SPIRITO DESTE
INVIDIA GONFI
DI SE STESSI DEL BEN CHE GLI ALTRI FANNO
DENIGRATORI AUDACI
PERFIDI PROCACI
CHE MAL FECE INIQUI PUR MORTE
ALLA FAMA DESTE
ERA L'INVIDIA VOSTRA
SOBISSAR LA PROTERVIA VOSTRA TANTO
SCHIANTAR MOTIVO A TIRANNIDE PIANTO
E LA CALUNNIA D'EMPI
L'ANIMA PROSTRA RASSEGNATA
PUR A TANTA SVENTURA VIVE
I DURI SINISTRI
PIENI DI BILE PER SOFFERTI SCORNI
PER IL TORTO SVELATO
E L'IGNOTA VIRTU' DI STARE NEL VERO
NON AVER L'ANIMA ATTERRITA
MINACCIATA DALL'OMBRA 

IL TARLO DEL PENSIERO CONSUMA 
LENTAMENTE LE CARNI E GIACQUE INFERNO
UMANA INIQUITA' COSA NON FAI
COL MANTELLO D'AGNELLO SIETE LUPI
RAPACI BELVE SITIBONDE SANGUE
ALTRUI SUGGETE A PIU' IMPINGUAR LA VOSTRA
L'ALTRUI RENDENDO NERA O MAGRA
MASNADA ANIMA
ECCO LA PENNA VENDICATRICE
PRIMA SI VEDRA' IL SOLE
OSCURARSI CHE VOI PRESSO I FUTURI
UN NOME ABBIATE NELLA ILLUSTRE STORIA
DEI DI' NOSTRI GODETEVI L'INFAMIA
CHE USCI' DI VOSTRE LABBRA
AFFUSCA STA IL PENSIER AVVELENATE
IL CUOR SI IL SONNO TURBASTE
O SONNO O SONNO....GEME
E COME NELL'INSONNIA UNA FEROCE 
PUR ALTRO NON RESTA
DI PREGAR QUIETE
E PER ALTRUI INTERCEDERE PERDONO


ENRICA MALATESTA



RICORDO DEL PAPA SANTO






                          GIOVANNI PAOLO II


LA GUERRA UNA SCONFITTA PER L'UMANITA'


                         


.....I suoi imperativi da rispettare per evitare che l'umanità precipiti nell'abisso: il si alla vita, al rispetto del diritto nazionale e internazionale dei diritti umani e religiosi, alla solidarietà intesa come "dovere".


Per il Papa Santo il rispetto di questi principi... da tradurre in fatti concreti servono per evitare che popoli interi, addirittura l'intera umanità, precipitano nell'abisso.

Nell'enunciare tali imperativi, Giovanni Paolo II ha interpretato il sentimento di paura dell'uomo contemporaneo: dal terrorismo, al problema della fame, ai comportamenti irresponsabili che contribuiscono all'impoverimento delle risorse del pianeta.

Ai dirigenti delle nazioni, ha sempre rammentato, di avere il coraggio di pronunciare il no alla morte e all'egoismo e il netto no alla guerra...

La guerra non è una fatalità...ma rappresenta sempre una sconfitta dell'umanità...il ricorso alla guerra essere l'ultima risposta..solo sbarazzandosi delle armi di distruzione di massa, allora la potremo evitare...

Il Santo Papa non è stato solo una guida morale e spirituale riconosciuta e rispettata da credenti e non credenti, ha anche richiamato durante il suo lungo pontificato l'esigenza di una politica attenta ai destini e alla dignità dell'uomo e alla sua libertà.


Tanti sono stati i suoi viaggi e tanti i suoi interventi politici...basta pensare alla forza dirompente delle sue visite apostoliche ai paesi dell'Est, alla caduta del Muro di Berlino, in Asia, Africa, America Latina...ricordando la sua decisa critica alle logiche del capitalismo selvaggio.

Ha vissuto il dramma della seconda guerra mondiale, l'occupazione tedesca, quindi il regime comunista. 


E' stato teologo, poeta e in gioventù operaio; aperto alle istituzioni sociali, uomo del dialogo, ma moralista intransigente e conservatore sui temi della fede....una forte personalità che si intreccia con quella della sua amata Polonia.

E.M


                                 



lunedì 16 ottobre 2017







                              11 Settembre                                                                 

          Nicholas Rockefeller e Aaron Russo 

                             

                     sapevano già tutto prima?




                                   

«Ci sarà un evento, e di conseguenza invaderemo l'Afghanistan per farci passare gli oleodotti per il Caspio; possiamo andare in Iraq per prendere il petrolio e stabilire basi nel Medio Oriente e fare del Medio Oriente parte del nuovo ordine mondiale, e poi andremo contro il Venezuela… questo risulterà dall'evento».


Così avrebbe detto Nicholas Rockefeller al suo amico produttore e regista Aaron Russo.
Undici mesi prima dell'11 settembre. (1)
Lo ha rivelato lo stesso Aaron noto produttore di vari film (fra cui «Una poltrona per due» con Eddie Murphy), noto impresario (ha portato i Led Zeppelin negli USA), proprietario di un night a Chicago; inoltre ha concorso nel '98 come aspirante governatore del Nevada (è arrivato secondo con il 26 % dei voti), nel 2004 si è candidato alla presidenza USA, poi ha preferito concorrere nella nomination di un Libertarian Party; crede alla medicina alternativa, si oppone alla tassa diretta sul reddito, vuole ritornare al gold standard, sostiene apertamente che l'11 settembre sia stato «un lavoro interno», favorisce l'uso medico della marijuana.


Inoltre, è un ebreo di New York, forse discendente dalla famiglia di quel Baruchya Russo che guidò l'ala più estrema dei seguaci del falso messia Sabbatai Zevi, che praticavano l'incesto… insomma un personaggio che pare conoscere a memoria i libri di David Icke.
Ciò non toglie che il suo ultimo film, «America: from freedom to fascism» - un documentario contro la «persecuzione» che l'ufficio delle imposte dirette scatenerebbe contro i cittadini - sia stato accolto all'ultimo festival di Cannes con impressionato favore.


E chi è il suo supposto interlocutore che gli avrebbe fatto la scottante rivelazione?

Il suo interlocure sarebbe Nicholas Rockefeller nelle scottanti rivelazioni.


Il rampollo della celebre famiglia, è membro del Council on Foreign Relations, socio di uno studio legale internazionale (Perkins Coie, LLP) che rappresenta grandi aziende americane nei loro affari all'estero, presidente di Rockefeller Asia che ha fatto investimenti diretti ragguardevoli sui mercati emergenti asiatici, nonché partner-manager di un colosso edilizio chiamato Rockvest Development Group, che dispone di una filiale che è anche un fondo d'investimento, il Rockefeller International Fund.

E come mai Russo conosce uno come Nick Rockefeller?
Lo Russo, sostiene che, «più volte è stato avvicinato da vari Rockefeller e da altri oligarchi del Council on Foreign Relations che volevano cooptarlo» nel quadro del progetto per il governo unico mondiale: gli avrebbero promesso, in cambio di «esentarlo da ogni misura da Stato di polizia che stanno infliggendo ai cittadini in generale»; ma lui ha rifiutato, dice «tutte le cose che ha saputo» da quelle frequentazioni senza paura delle conseguenze, perché «è in gioco la libertà delle generazioni future»: purissimo David Icke.

Russo ha fatto la sua rivelazione nell'Alex Jones Show, il programma radiofonico più alternativo d'America, collegato al sito PrisonPlanet a cui dobbiamo molte serie, credibili, gravi informazioni sull'11 settembre.

Lo Russo ha spiegato fra l'altro che le famiglie della oligarchia (di cui i Rockefeller sono gli storici leader) hanno «creato e finanziato il movimento di liberazione femminista per poter tassare l'altra metà della popolazione, e far sì che i bambini vengano allevati ed educati in scuole di Stato anziché in famiglia».
Ha detto che i membri dell'elite bancaria sono «ossessionati dal progetto di creare una società mondiale del controllo, che obbligherà ciascuno a portare con sé documenti d'identità ed essere identificati in qualunque momento», e ha proclamato che «la Torre 7 è stata fatta cadere con una demolizione controllata, che occorre settimane per preparare».


«Hanno ammazzato migliaia di americani, tutta quella gente saltata dal centesimo piano… se ne fregano».
Del suo colloquio con Nicholas Rockefeller ha dato un resoconto non preciso.
Sarebbe avvenuto «circa» undici mesi prima dell'11 settembre: «Stavo parlando con il mio amico [Rockefeller] e lui mi disse: Aaron, ci sarà un evento…».
«Ma non sono certo che sapesse di che evento si trattasse».
Resta il fatto che Nicholas «sapeva con precisione a cosa avrebbe portato l'evento e quali Paesi sarebbero diventati bersaglio militare per l'oligarchia».


Tutto quel che si sa di Russo può bastare ad identificarlo come un provocatore, che si infiltra nei gruppi alla ricerca della verità alternativa sull'11 settembre, ne accoglie le tesi esagerandole fino a renderle incredibili, allo scopo di screditare la parte di verità che contengono.
Esattamente ciò che, secondo chi scrive, fa David Icke.
Ma è davvero così?
Il Nicholas Rockefeller di cui si parla appare coinvolto in una faccenda stranissima, tragica e misteriosa, tale da far impallidire ogni fantasia tipo David Icke.
1997 quando 39 membri di una setta chiamata Heaven's Gate (Porta del Cielo) vengono trovati morti in un lussuoso ranch di Santa Fe, California.
Tutti i corpi sono sistemati in letti a castello, vestiti di una tuta nera, scarpe Nike ai piedi, un velo triangolare sul volto.
Apparentemente un suicidio di massa.

Il capo della setta, Marshall Applewhite, ha lasciato un video messaggio in cui spiega che lui e i suoi adepti hanno abbandonato il corpo fisico per raggiungere i loro creatori alieni approfittando del passaggio vicino al pianeta della cometa Hale Bopp.

La setta infatti univa un cristianesimo all'americana con la ferma credenza negli UFO e l'attesa ormai prossima della fine dei tempi; gli adepti risultarono essere membri della più alta società finanziaria internazionale.
Ebbene: i cadaveri furono scoperti da un tizio, di nome Nick Matzorkis, che sembra fosse in rapporti di lavoro (da imprenditore di computer, impiegava alcuni adepti per creare siti internet) con la setta della Porta del Cielo.

Fatto sta che Matzorkis divenne istantaneamente celebre, e intervistatissimo dalle TV americane. Proprio per questo, fu riconosciuto da agenti che lo ricercavano da anni per truffe e furti, e finì in galera.
Breve disavventura.

Presto Matzorkis, uscito dal carcere, riesce a raccogliere 54 milioni di dollari in una «offerta iniziale d'acquisto» per una sua impresa, chiamata US Search.com. una sommetta niente male per un pregiudicato senza entrature nel mondo della finanza.

E la nuova impresa ha successo.
Tanto che nel 2002 il personaggio lancia nella Cina comunista una ditta del settore, GlobalAgora con un socio importante.


Il socio è Nicholas Rockefeller.


Come dice Daniel Hopsicker che ha scoperto la storia, «non c'è un modo educato di porre la domanda che salta alle labbra: la relazione di Matzkorkis con il Rockefeller ha rapporto con la sua precedente frequentazione della setta Porta del Cielo?».

Certo è che i Rockefeller sembrano avere, per gli UFO ed altre mitologie, un interesse di lunga data.
Il 30 ottobre del 1938 il Mercury Radio Network interruppe le trasmissioni per annunciare al pubblico che i marziani stavano invadendo la Terra: sembrava un reportage autentico, l'America piombò nel panico.
Era invece la nota trasmissione di Orson Wells, la «Guerra dei Mondi».

Ebbene: è poco noto che la trasmissione fu escogitata e finanziata dalla Rockefeller Foundation, che la condusse come «un esperimento sulla paura di massa».
La Rockefeller Foundation, pochi anni prima, aveva fornito fondi all'università di Princeton per fondare un «Princeton Office of Radio Research».
La dirigeva Paul Lazersfeld, un ebreo viennese e psicologo sociale, che lavorò al progetto con Hadley Cantrell, psicologo della CBS (network TV), e Fred Stanton, un super-ricercatore in psicologia che diventò poi presidente del Mercury Radio Network.
In seguito all'«evento» genialmente provocato da Orson Wells, questo ufficio di Princeton elaborerà uno studio-sondaggio sulle reazioni del pubblico (12 americani su cento avevano seguito la trasmissione, e la metà ci aveva creduto spaventandosi ciecamente) dal titolo: «Invasion from Mars - A study on the psichology of pania».

Di quest'opera non sono state diffuse copie, evidentemente era uno studio «interno» in vista di lavori «interni».
Era uno studio su come controllare le reazioni delle masse americane inducendo allarme e paura.
Tutto molto David Icke, certo.

Ma in fondo, cos'è stato l'11 settembre 2001, se non una replica più in grande dell'«esperimento di paura collettiva» del 1938, che ha indotto la popolazione terrorizzata da un nemico invisibile ad accettare le guerre di Bush e le limitazioni gravissime alla libertà personale, fino alla cancellazione dell'habeas corpus?

Forse lo stesso suicidio di massa della setta Heaven's Gate è stato un altro degli esperimenti
di controllo mentale attraverso l'irrazionale, necessario sulla strada di una stranissima «ricerca scientifica» per condurre al grande «evento» dell'11 settembre?

Il popolo americano vive di paure, è la cavia ideale.
O forse è stato reso così dalla guerra totale di percezione in cui è immerso dalla nascita, fra telepredicatori apocalittici e film catastrofici?
E forse i Rockefeller sono i promotori di questa guerra totale di percezione?

Difficile seguire David Icke nelle sue elucubrazioni, come Daniel Hopsicker, benchè sia un bravo giornalista affidabile, il solo che abbia condotto un'inchiesta sulla vita di Mohamed Atta - il presunto capo dei dirottatori di Al Qaeda - mentre frequentava le scuole di volo in Florida, andava a letto con una spogliarellista di nome Amanda Kelly (Hopsicker è stato il solo a intervistarla), sgranocchiava costine di maiale del tutto anti-islamiche, parlava ebraico, sniffava coca e frequentava circoli militari USA… chi vuole, può leggersi la storia di Hopsicker su Rockefeller.

Interessante senza dubbio: appaiono anche Mohamed Atta e Adnan Kashoggi e molti altri personaggi di peso.
E' una storia quasi irracontabile.
Che sfocia in sottofondi da cui non è possibile trarre documentazione e certezze; per questo mi fermo a quel limitare.

Ma è possibile, dopotutto, che Aaron Russo dica la verità.
O almeno quella parte di verità che si può dire, da quei sottofondi oscuri ed occultissimi che sono il mare gnostico del potere mondialista.
Forse il solo modo di dire quelle verità è quello di Russo: da pazzo.

E.M


                                   


venerdì 13 ottobre 2017

FINE DI UN IMPERO FINANZIARIO





CROLLO IMPERO FINANZIARIO

AMERICANO


LA RUSSIA AUMENTA IL SUO ARSENALE CONTRO IL DOLLARO

Gli analisti finanziari in Occidente seguono da vicino il movimento della Russia in un corso audace per liberare l'economia dalla dipendenza americana. Mosca deve resistere all'egemonia di petrodollar, che rappresenta oltre il 60% delle riserve monetarie del mondo e l'80% dei pagamenti globali.

Tuttavia, le azioni delle autorità russe dimostrano che la lotta contro il monopolio finanziario degli Stati Uniti è mirata e molto efficace.

Secondo l'analista del quotidiano britannico The Daily Reckoning Jim Rickards per scoraggiare l'intervento di dollari, la Russia è usando l'oro, un sistema alternativo SWIFT e la tecnologia proprietaria blokcheyn. Tutti questi strumenti rivoluzionari Mosca sta sviluppando sotto il rumore dei media occidentali che sono isterici circa l'interferenza russa nelle elezioni statunitensi. Forti relazioni politiche ed economiche con gli Stati Uniti danno alla Russia un ulteriore incentivo nel confronto finanziario.

Secondo la pubblicazione, per 10 anni, la Russia ha triplicato le sue riserve d'oro da 600 a 1.800 tonnellate. Il World Gold Council ha detto che la Banca centrale della Russia più che raddoppiato il tasso di acquisti di oro, con conseguente oggi ha le più grandi riserve d'oro per l'intero periodo post-sovietico. Anche quando il prezzo del petrolio è sceso nel 2015, la Russia ha continuato ad acquistare oro.

L'oro fisico è l'arma più aggressiva rispetto al dollaro o "la prima linea di difesa", in quanto non può essere congelata o esclusa dal sistema di pagamento internazionale. Come sottolineato da Rickards, pagamenti in oro sono ancora in corso a spese di trasferimento del veicolo, proprio come all'inizio del XX secolo, da parte della banca della Federal Reserve JP Morgan ha inviato i loro lingotti d'oro su navi o su rotaia.

Oltre all'oro, Mosca ispira ulteriori meccanismi finanziari, alternativi al dollaro. La Russia è anche parte di un piano annunciato in Cina per creare un nuovo ordine monetario internazionale che esclude il dollaro USA. Come parte di questo piano, la Cina può acquistare l'olio russo in yuan, e la Russia ha l'opportunità di scambiare il yuan con il tasso d'oro sullo scambio di valuta di Shanghai.

Gli Stati Uniti stanno abusando del suo monopolio nel sistema nervoso centrale del traffico globale dei trasferimenti di denaro SWIFT per ricattare paesi disobbedienti e sgradevoli. Dal punto di vista finanziario, bloccare il "rapido" è paragonabile alla sovrapposizione dell'ossigeno nell'unità di terapia intensiva. Realizzando la sua vulnerabilità nella comunicazione bancaria internazionale, la Banca Centrale della Russia ha sviluppato un proprio sistema di transazioni - il Servizio per il trasferimento dei messaggi finanziari (FFS), alla quale metà delle banche russe sono già state unite.Un'altra arma nell'arsenale della antidollarovom russo è la nazionalizzazione della tecnologia blockchain e creare la propria criptovaluta protetta dal gold standard. Banca di Russia, Vnesheconombank e un certo numero di ministeri russi stanno lavorando su un sistema di pagamento completamente cifrato, con la struttura avanzata e tariffe basse, che non dipenderebbe banche occidentali, SWIFT e gli Stati Uniti. Questa è una piattaforma avanzata, progettata per eseguire un'ampia gamma di programmi, tra cui la nuova valuta cripta russa.


La peculiarità delle tattiche russe risiede nel fatto che i sentimenti anti-dollari sono trasferiti all'intero sistema delle relazioni internazionali della Federazione Russa e nel tempo, con l'adesione di altri paesi che occupano il know-how russo. Al tempo stesso, non dobbiamo dimenticare che gli Stati Uniti sono l'unico paese che ha il diritto di veto nel Fondo Monetario Internazionale, il prestatore globale di ultima istanza.


Tuttavia, l'approccio russo consente l'eliminazione relativamente indolore del dollaro da transazioni internazionali a favore di valute nazionali. Dopo tutto, infine, tutti i paesi hanno un obiettivo comune: ridurre i rischi di un elevato grado di indipendenza dal sistema basato sul dollaro. De facto, tutti cercano di affrontare un nuovo sistema finanziario e monetario, in cui ogni dominanza viene esclusa e tutti i paesi hanno una posizione uguale.

E.M

lunedì 9 ottobre 2017

IL PRIMO NELLO SPAZIO











                           ALEXEI LEONOV


              PRIMO RUSSO NELLO SPAZIO


 

SUE  RAGIONE SULL'ARGOMENTOTRUFFA...

  LUNARE DEGLI STATI UNITI...... 

"IL Russo.... il primo nello spazio, il primo satellite, la prima passeggiata spaziale, i loro telefoni sono stati i primi sulla Luna, Marte, Venere, 

quindi gli Stati Uniti avevano altra scelta che lo sbarco sulla luna!"....

E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato

Nel 2017 è stato rilasciato il film "Tempo del primo". Il film è dedicato alla fuga del primo uomo nello spazio, condotto dal cosmonauta sovietico Alexei Leonov. Il film è interessante eccitante, ma è troppo doloroso anti-sovietico. È noto che Leonov stesso era il consulente del film.

Mi chiedo se non aveste da stupirsi perché cosmonauta sovietico, primo uomo nello spazio, sostenendo i loro omologhi statunitensi sono stati sulla luna, in modo da non ama "scoop" (cioè l'URSS)? E al tempo stesso è consigliere del primo vice presidente del consiglio di amministrazione di Alfa-Bank. La testa non va bene: il cosmonauta sovietico è un banchiere anti-sovietico.

Inoltre, recentemente ha scoperto le notizie sulla creazione di una stazione orbitale comune USA-Russia nell'orbita lunare. Idle cittadini che l'ora cominciava a grunzare gli americani con il loro "Apollo" e "frode lunare".
Certo, conosco le basi della "sracha lunare". Un lato afferma che tutto è come è scritto nei libri di testo. Questi ultimi sostengono che gli americani non erano mai sulla luna, tutto questo ha preso Kubrick e la NASA tutto confondono la testa, compresa l'Unione Sovietica, o come opzione (che è davvero molto improbabile) di una collusione USA e URSS. E come il piombo prove diversamente elaborati fotografie con le spiegazioni che non sono paesaggi lunari su di loro e la terra.
Tuttavia, si pone la domanda: perché tutto questo è stato necessario? Dopo tutto, sappiamo che l'URSS stava perdendo in tempo, e negli Stati Uniti la NASA aveva finanziamenti senza precedenti.
In realtà, fino ad ora mi si addice Anpilogova dicitura: "anche se erano lì, ma dal 1972 non c'è una sola persona non ha (e come non previsto)." E poi penso, lasciatemi capire.
Quindi scendiamo un po ', ma non nelle foto (dal momento che con loro come con i punti di Rorschach "che cosa vedi tu?" - e ognuno vede il proprio). Rummage nei razzi stessi, personalità e date. Prendiamo Wikipedia come assistente (spero che nessuno pensa che sta imbrogliando a favore dell'URSS) e inizia.
Così, l'ipotesi di lavoro "gli americani non potevano raggiungere la Luna nel tempo assegnato, e quindi dovevano produrre un'imitazione di attività". A sostegno cercheremo insoliti e incomprensibili nel programma comico Apollo.

E ora l'apertura:
E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato
Il programma Apollo è il terzo programma di volo spaziale NASA.

Il presidente John F. Kennedy (due anni dopo ha ucciso) formulato il problema in un discorso 12 settembre 1961 (esattamente 5 mesi prima 1961/12/04 Yuri Gagarin volò nello spazio, a soli 5 mesi e 8 giorni dopo il discorso, il primo astronauta era su orbita della Terra) - per essere il primo sulla Luna.
E questo compito è stato risolto il 20 luglio 1969 durante la fuga di Apollo 11 con l'atterraggio di Neil Armstrong e Buzz Aldrin. In soli 3 anni, secondo il programma Apollo, sei astronauti riusciti hanno atterrato sulla luna (quest'ultima nel 1972). Questi sei voli sotto il programma Apollo al momento sono gli unici nella storia dell'umanità quando le persone sbarcano in un'altra struttura astronomica.
Il programma utilizzato dalla sonda (SC) "Apollo" e una serie di veicoli di lancio (LV) "Saturn" ( "Saturn-1", "Saturn-1B" e "Saturn-5"), che sono stati successivamente utilizzati per il programma "Skylab "E ha partecipato al programma sovietico-americano" Unione - Apollo ".

Nel corso del programma, ci sono stati due grandi incidenti (tutti con una nave spaziale, non un razzo). Il primo - un incendio durante un test a terra presso il complesso di lancio (dopo un incendio ha bruciato la nave è stata denominata "Apollo 1"), che ha ucciso tre astronauti. Il secondo si è verificato durante il volo della nave "Apollo 13": a seguito dell'esplosione del serbatoio di ossigeno liquido e la perdita di due dei tre batterie a celle a combustibile sbarco sulla luna è stato strappato, gli astronauti hanno rischiato la vita potrebbe tornare sulla Terra.
Questi sono i principali fatti ufficiali.
Spiega alcuni punti: prima del programma Apollo, ci sono stati altri due programmi "Mercury" e "Gemini".
Quello che è "il programma di voli spaziali a piedi XXX" - è infatti la nave spaziale (KK), che contiene astronauti / astronauti / tikonauti. Questo non è un ROCKET, ma l'apparecchio che vola nello spazio.
Ora passiamo ai dettagli.
(Non sto specificamente analizzando le istantanee lunari, perché in essi, come nelle macchie, Rorschach vede ognuno di loro.)
E cominciamo con i razzi aerei (RN).
Complessivamente, il programma Apollo ha utilizzato 3 veicoli di lancio:
"Saturn-1"
"Saturn-1B"
"Saturn 5"
Le loro differenze si possono vedere chiaramente
E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato
E sebbene il nome dei missili sia uno ("Saturno"), ma ci sono almeno due missili fondamentalmente diversi. Questo è il "Saturno-1", i cui motori sono stati testati in precedenza su altri razzi e "Saturn-5" con motori appositamente progettati per questo. "Saturno-1B" è un ibrido, ha il primo passo da "Saturno-1" e la seconda fase è il terzo passaggio di "Saturno-5".
Vediamo ora come sono stati testati questi vettori a razzo.
"Saturn-1." Ci sono stati 10 lanci, di cui 5 senza carico, e di questi cinque - 4 suborbital. Suborbital - questo è senza andare in orbita (è scivolato e caduto). Le restanti 5 sono le conclusioni dell'orbita Apollo. Negli ultimi tre modelli, il satellite Pegasus si nascondeva.
"Saturn-1B". Ci sono stati 9 inizio, 3 di loro sono stati test. 1-st test suborbital con layout KK. 2 ° orbitale, ma senza layout. 3 ° suborbitale con il layout del KK. E poi volò come un coniglietto! "Apollo-5", "Apollo-7", poi dopo gli sbarchi lunari ha guidato 3 astronauti al "Skylab" (di seguito), e anche "Soyuz-Apollo"!
"Saturn 5". 13 lanci, di cui 2 test con missioni senza pilota "Apollo-4" e "Apollo-6". E poi tutte le missioni mannate sulla luna, da Apollo 8 all'ultimo lunare Apollo 17. E l'ultimo lancio è stato il lancio del primo americano (l'URSS e poi ha superato gli USA) la stazione orbitale Skylab, che rappresentava la terza fase modificata di "Saturno-5". Sono stati realizzati 15 missili, ma a causa dei costi di taglio e di bilancio elevati 2 lasciati nel museo.
Quindi, dici. Dove sono le stranezze?
E la stranezza è che gli americani sono riusciti a creare un missile al 100% affidabile, e non uno, ma tre! E poi questi missili ultra-affidabili, con i loro motori super-affidabili, non erano necessari e non furono utilizzati in futuro!
Dopo il programma Apollo, c'era il programma Space Shuttle, quindi ci sono 2 catastrofi, uno sul decollo, l'altro a terra, anche se ci sono stati più lanci, ma ancora non l'affidabilità del 100 per cento. E ora gli americani (NASA) non hanno affatto alcun programma spaziale a poppa! Sovietici "Protoni" sviluppati appositamente per i voli alla Luna stanno ancora battendo, e "Saturno-1" e "Saturno-1B" non sono necessari ?! È difficile credere.
E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato
In questa figura le croci sono interessanti (inizio fallito). Si può vedere che gli americani hanno dovuto affinare i loro missili per lungo tempo.
Passiamo alla nave spaziale (KK).
E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato
Si noti che sul cammino verso la Luna, era necessario re-lunare il Modulo Lunare al Modulo Comando, dato che i missili nel razzo sono in ordine inverso!
Con la KK è stata la prossima storia tragica. "Apollo-1" è il nome che dopo il fatto è stato ricevuto dalla missione fallita (era prevista per la fine di febbraio - metà marzo 1967) della nave Apollo. Una copia della nave spaziale è stata ancorata al portatile senza pilota "Saturn-1B".
Il 27 gennaio 1967, durante la preparazione del primo programma di volo a bordo della nave, "Apollo", c'era un forte incendio. L'intero equipaggio è morto.
Quando si è scoperto, è stato scoperto che, dato che l'equipaggio era in un'atmosfera di ossigeno (ossigeno al 100%), dopo la chiusura tutto si è acceso (come ossigeno) e nessuno ha fuggito. Normalmente la pressione nella cabina di guida dovrebbe essere stata di 0,4 atmosfere, ma siccome non erano nello spazio ma nell'atmosfera terrestre, e la SC è stata progettata per una pressione eccessiva all'interno della nave, e non all'esterno, la pressione nella SC era maggiore di 0,4 atmosfere.
Anche se occorre essere uno specialista cosmetico, non piace niente. Qui va il KK alla Luna. Quando stavi per ridurre la pressione e la composizione dell'atmosfera? Dopo tutto, una malattia di caisson è possibile. Quali sarebbero state le prestazioni degli astronauti sulla Luna dopo tutte queste manipolazioni e un lungo volo in una cabina chiusa? Come ha fatto la pressione uniformare con la terra? E gli astronauti dovevano essere allegri, come le lepri per saltare fuori dal modulo di comando?
In generale, se si è finanziato, un missile completamente affidabile, perché non è stato possibile creare una cabina, e in questo stand per condurre test a terra in KK, con l'equipaggio, creando pressione ulteriormente negativo?
In generale sembra che la data per il 27 gennaio 1967 per la "scamorazione lunare" sia un limite. Prima di volare solo "Saturns-1" e poi solo con i mock-up della "Apollo" spaziale. 

In tre modelli, i satelliti "Pegasus" erano nascosti. L'AC Apollo ha volato solo 4 volte in un volo suborbitale su un missile speciale Little Joe-2. Un razzo "Saturn-1B" ha volato solo 3 volte, 2 volte con un layout, ma in un volo suborbitalio e un volo è in orbita, ma anche senza un modello. E qui questa tragedia!
E i sovietici hanno già lanciato nello spazio due "Soyuz" senza pilota. E l'Unione è stata progettata appositamente per la luna! E comunque ancora vola! E l'atmosfera in esso è terrestre, e non l'ossigeno a pressione ridotta!
In generale, in avanti è stato visto un riprogettazione globale del veicolo spaziale, e i razzi hanno portato solo mock-up, e il tempo era scarso. Era necessario avere una "opzione di riserva".

23 e 25 giugno 1967 a Glassboro (non a Washington) si sono incontrati Johnson (presidente degli Stati Uniti) e Kosygin Presidente del Consiglio dei Ministri dell'URSS. Di cosa hanno parlato, chi lo sa, perché a tutta velocità per 3 anni è la guerra del Vietnam, ma nel mese di novembre, 5 mesi più tardi, ha volato il primo razzo "Saturno 5" per i veicoli spaziali "Apollo-4" a bordo, e nel mese di dicembre ha aperto Institute USA e Canada nell'Urss.

Se abbiamo ricordato i presidenti degli Stati Uniti, va ricordato che tutte le missioni con equipaggio "Apollo" sulla Luna si è verificato il prossimo presidente Niton (è stato eletto nelle elezioni 11/05/1968, anche se l'inaugurazione ha avuto luogo 20.01.10969). E che cosa altro, oltre agli sbarchi di Nieson, ricordava Nixon? Bene, continuando fino al 1973 Guerra del Vietnam (con hippy e altri farmaci). Nixon scossa del 15 agosto 1971, quando sciolse dollaro dall'oro, e il dollaro è diventato non garantito (sì, il gioco è fatto). Una visita e il ravvicinamento con la RPC (anche lui). Watergate scandalo con un wiretap, per cui è stato girato il 9 agosto 1973. E, attenzione, il rilassamento della tensione internazionale tra gli Stati Uniti e l'URSS (e questo è un uomo che era anticomunista all'inizio della sua carriera). Il 22 e il 30 maggio 1972 si è svolta la prima visita ufficiale del presidente degli Stati Uniti per tutto il periodo delle relazioni in URSS. Con la firma:
Trattato tra l'URSS e gli Stati Uniti sulla limitazione dei sistemi anti-balistici per la difesa dei missili (Trattato ABM);
Accordo intermedio tra l'URSS e gli USA su alcune misure nel campo della limitazione delle armi strategiche offensive (SALT-1);
il documento "Fondamenti delle relazioni tra l'URSS e gli USA";
Accordo tra l'URSS e gli USA sulla cooperazione nel settore della tutela dell'ambiente;
Accordo tra il governo dell'URSS e il governo degli Stati Uniti sulla cooperazione nel campo della scienza medica e della sanità;
Accordo tra il governo dell'URSS e il governo degli Stati Uniti sulla cooperazione in materia di scienza e tecnologia (ampliato nel 1977);
Accordo tra l'URSS e gli Stati Uniti sulla cooperazione nell'esplorazione e nell'uso dello spazio esterno per scopi pacifici (estesa nel 1977);
Accordo tra il governo dell'Unione Sovietica e il governo degli Stati Uniti sulla prevenzione degli incidenti sugli alti mari e nello spazio aereo sopra di esso.
Quasi la metà degli accordi sui missili ... E questo è con il massimo potere degli Stati Uniti, quando le sue navi spazzano le distanze dell'universo ?! Quando gli Stati Uniti hanno acquisito una bomba atomica, nessuno nella URSS è andato e ha offerto "la cooperazione in scienza e tecnologia" e una riduzione del peso nucleare dei pani ... 

È possibile trovare le date indicate nel programma di volo di Apollo.

Ma torniamo al programma Apollo. L'ultimo volo verso la luna è tutto lo stesso nel 1972. E nessun altro volerà, perché un mese prima dell'ultimo lunare "Apollo 17" il nostro quarto L-razzo "N-1" esplose per la quarta volta.
"Il razzo ha volato 106,93 secondi ad un'altezza di 40 km senza alcuna osservazione. Per 7 secondi prima della separazione tempo calcolato del primo e del secondo stadio con la prevista riduzione di spinta fuori da sei motore centrale era praticamente istantaneo, con l'esplosione, la distruzione della ossidante motore della pompa № 4. esplosione danneggiati motori adiacenti e fase stessa. Poi è venuto il fuoco e la distruzione della prima fase. Teoricamente, le risorse energetiche del razzo erano sufficienti a fornire i parametri necessari per la rimozione per il funzionamento delle fasi superiori, purché la prima fase sia separata prematuramente. Tuttavia, il sistema di gestione non ha fornito una tale opportunità ".
Questo è volato e anche allegra, ma se il medico ha detto che la camera mortuaria - mezzi, nella camera mortuaria ... 2 missili ammessi da rottamare, e 150 motori NK-33 e NK-43 mantenuto, e dopo il crollo dell'URSS stessa parte felice statunitense del loro acquistati insieme con licenza. Cioè, teoricamente dopo 25 anni, questi motori statunitensi possono produrre, e la loro casa F-1 non può, dimenticato come ...

Tuttavia, questo non è la fine del programma Apollo. C'era anche la stazione orbitale di Skylab (anche se l'URSS aveva già una stazione orbitale) e 3 missioni a bordo. Volarono su Saturn-1B, e la navicella era Apollo. Questo è nel 1973. E nel 1975, in due anni, l'ultimo "Apollo" sotto il numero 18 volò per mettersi in bacino col "Union-19".
E qual è l'equipaggio di Soyuz-19? Alexei Leonov e Valery Kubasov. Ma abbiamo iniziato con Leonov. Il suo primo volo è stato il primo uomo a entrare nello spazio nel 1965, cioè 10 anni prima di questo volo. E questo volo su "Soyuz-19" è il suo secondo e ultimo volo nello spazio. E dove era prima? E in una squadra di cosmonauti lunari, e addestrato a diventare il primo cosmonauta per mettere piede sulla luna !!!

Inoltre interessante:

"Il partito sovietico ha prodotto per il programma sei copie di navi 7K-TM, di cui quattro hanno fatto voli sotto il programma ASTP. Tre navi hanno fatto voli di prova: due aerei senza pilota nel mese di aprile e agosto 1974 e un volo a bordo di Soyuz-16 nel dicembre 1974. La quarta copia è Soyuz-19. Il quinto esemplare è stato preparato per un avvio immediato, se necessario, una missione di salvataggio nei giorni volo congiunto e installato insieme con il veicolo di lancio sulla rampa di lancio di Baikonur Baikonur, e successivamente è stato smantellato componenti per la seguente serie di navi. Sei copie fu poi doosnaschon potente fotocamera da telerilevamento multispettrale e realizzati nel settembre 1976 per l'ultima serie di navi con equipaggio di volo di "Soyuz-22", senza l'attracco con la stazione orbitale.

Il lato americano dei voli di prova e delle navi da riserva non ha fatto un programma. A quel tempo, dal maggio 1973 al febbraio 1974, ha pilotato tre voli manovrati Skylab ".
L'americano non ha nulla, hanno attrezzature assolutamente affidabili !!! A loro tutti vengono sequestrati, per tutto ciò pagato !!! 
Leonov è stato dato per questo volo dell'Eroe dell'Unione Sovietica, il secondo.
E adesso andiamo in discesa. Cosa succede se si raccoglie un puzzle, ma un pezzo da un altro quadro, ma esattamente la stessa forma. Hai raccolto un'immagine, ma non puoi capire cosa c'è di sbagliato nell'immagine! Ovviamente avrai domande !!! Ma se metti quello giusto al posto del frammento di qualcun altro, tutto convergerà e diventerà posto. Tutte le domande scompaiono da solo!
E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato

Quindi immaginatevi al posto del normale Soviet pilot Man-test che stava rischiando la vita, ma è in prima linea della scienza, l'uscita del primo nello spazio, formazione per diventare il primo sulla luna, e ... eccolo offerta partito a volare nello spazio e simulare l'aggancio con la "Apollo ". 

l puzzle si è riunito, è diventato disgustoso.
Invece di risolvere il compito tecnico più interessante, ma fattibile, fermando (per panini) lo sviluppo tecnico e la stagnazione, con la successiva disgregazione ...
E Leonov ha ragione ... o un paio di parole sulla truffa lunare degli Stati Uniti.  Da questo lato, l'argomento non è stato considerato
Tutto rimane grigio ...

Molte domande sono scomparse, come:

Perché "il più potente, il più potente, il più pesante e il più grande dei missili creati dall'umanità in quel momento" il veicolo di lancio "Saturno-5" non è stato utilizzato in futuro. E due missili invece di inviare un mazzo di satelliti spia in orbita, sono stati inviati al museo.

Perché sono state cancellate 3 missioni "Apollo-20", "Apollo-19", "Apollo-18" (da loro i missili sono rimasti) presumibilmente per mancanza di denaro. Tuttavia, il taglio del bilancio non è stato nel 1972, ma nel 1970. La prima volta, dopo il volo di "Apollo-12", il secondo atterraggio sulla Luna è stato annullato "Apollo-20"! E la seconda volta dopo il fallito volo di Apollo 13, Apollo 19 e Apollo 18 sono stati annullati. E che tutto è logico, invece di gettare soldi per rielaborare con 2 missioni di successo, al contrario di annullare la missione ...

Perché gli americani non conducono voli preliminari con animali in direzione della Luna. L'URSS ha inviato 2 tartarughe per volare intorno alla Luna. Sì, e gli americani prima del primo volo suborbitale mandarono lo scimpanzé Ham e prima che il primo volo orbitale mandasse gli scimpanzè Enos.
Perché l'URSS non ha mai volato, lasciate il secondo numero sulla luna. Dopo tutto, gli americani non si scontrarono e lasciarono il secondo, ma mandarono gli astronauti nello spazio e avevano una seconda passeggiata spaziale, e avevano la seconda stazione orbitale. 

E la prima foto del lato inverso della luna e il primo appoggio morbido sulla luna e il primo satellite artificiale della luna e il primo rover lunare - non sono tutti gli Stati Uniti, ma l'URSS! E poi l'URSS si arrese, sollevò le penne e non volò verso la Luna ...
Le domande sono scomparse, ma la Luna per noi (cioè l'umanità) è inaccessibile per motivi soggettivi. 
Dispiace molto! Sono gli americani che non permetteranno a nessuno di volare sulla luna, e solo per motivi di immagine.
E.M